METODO DI LAVORO

Incontro con la famiglia e il responsabile del servizio per ricercare e selezionare la figura più in linea con le esigenze dell’anziano e/o malato.

Studio della richiesta del cliente per individuare le risorse al servizio assistenziale

Presentazione delle risorse più idonee, per una prima valutazione

Attivazione del servizio, coordinamento e conseguente monitoraggio e miglioramento dei servizi con un rapporto assiduo con la risorsa.

Metodo di lavoro

 

  • Ricerca e selezione della badante in base alla richiesta della famiglia;
  • inserimento nel nucleo famigliare;
  • monitoraggio e gestione organizzativa con particolare attenzione ai primi 60 giorni;
  • controllo e supervisione costante del rapporto;
  • preparazione del contratto e pratiche burocratiche di assunzione della badante da parte della famiglia in base ai tempi prestabiliti;
  • servizio di sostituzione

Mansioni della Badante

 

  • Assistenza e aiuto nella deambulazione e riabilitazione
  • Attività di socializzazione con il cliente;
  • Attività domestiche stabilite;
 

METODOLOGIA

Il nostro lavoro si sviluppa a partire dall’ascolto e analisi dei bisogni/desideri delle persone e del loro nucleo familiare. Il nostro punto di vista: non solo l’orientamento alla centralità della persona, ma anche soddisfazione e benessere psico-fisico delle persone di cui ci prendiamo cura. Infatti, al momento dell’accesso al servizio, si concorda e si sviluppa con il cliente e/o i familiari e il responsabile del servizio un progetto di assistenza individuale, che comprende varie sfaccettature iniziando dal carattere dell’assistito e passando per i desideri, preferenze ed obiettivi dello stesso.

QUALITÀ

  1. Studio della richiesta assistenziale attraverso una scheda e la stipula del contratto.
  2. Individuare le professionalità più idonee al progetto assistenziale e al contesto familiare.
  3. Presentazione degli operatori idonei assegnati dalla Cooperativa al domicilio o in sede, per conoscerli e valutarli prima.

CURA

  1. Attivazione del servizio
  2. Coordinamento dei diversi operatori coinvolti nella gestione del progetto.
  3. Monitoraggio e miglioramento costante della soddisfazione del cliente da parte del Responsabile della Cooperativa.
ASSISTENZA DOMICILIARE e OSPEDALIERA
Assistenza Viva è una società cooperativa di tipo A iscritta all’albo Regionale delle cooperative sociali per i servizi socio – assistenziali. In relazione all’attività di utilità sociale è anche un’impresa non lucrativa (ONLUS).Assistenza Viva agisce perseguendo criteri di professionalità e managerialità, organizzando e gestendo i servizi con efficienza ed efficacia. Redige come ogni impresa, il bilancio d’esercizio e in più, il bilancio sociale
METODO DI LAVORO E INQUADRAMENTO
La soluzione è nel determinare un “METODO DI LAVORATIVO” che possa definire le giuste linee guida per la ricerca e selezione del personale e per tutelare le famiglie nel corretto inquadramento fiscale delle risorse, riducendo al minimo i rischi di contestazione.
METODO DI LAVORO E INQUADRAMENTO
La soluzione è nel determinare un “METODO DI LAVORATIVO” che possa definire le giuste linee guida per la ricerca e selezione del personale e per tutelare le famiglie nel corretto inquadramento fiscale delle risorse, riducendo al minimo i rischi di contestazione.
METODO RICERCA E SELEZIONE
Il metodo “Ricerca & Selezione” proposto da Assistenza Viva è totalmente orientato verso l’intercettazione della figura più idonea per le esigenze dell’anziano o malato, pianificando una serie di incontri conoscitivi insieme alla famiglia dell’assistito, per poi passare al Metodo Inserimento.

Figure professionali: Assistenti famigliari e badanti con esperienza pluriennale - Addetti ai servizi domestici (COLF) - Operatori socio assistenziali (OSA - Operatori socio sanitati (OSS) - Medici e Psicologi
METODO INSERIMENTO E MONITORAGGIO
Il metodo “Ricerca & Selezione” proposto da Assistenza Viva è totalmente orientato verso l’intercettazione della figura più idonea per le esigenze dell’anziano o malato, pianificando una serie di incontri conoscitivi insieme alla famiglia dell’assistito, per poi passare al Metodo Inserimento.

Figure professionali: Assistenti famigliari e badanti con esperienza pluriennale - Addetti ai servizi domestici (COLF) - Operatori socio assistenziali (OSA - Operatori socio sanitati (OSS) - Medici e Psicologi
METODO FORMAZIONE
ASSISTENTI FAMIGLIARI E BADANTI
Le risorse selezionate devono seguire e applicare il “Metodo di lavoro di Assistenza Viva”, in modo da poter condividere un sistema unico, con la finalità di migliorare le proprie competenze in sintonia con le necessità degli assistiti.

Formazione e corsi di cucina di base - Miglioramento della lingua italiana e dei principali vocaboli - Psicologia dell’anziano e del malato - Attestato di idoneità di Assistenza domestica.
METODO INSERIMENTO E MONITORAGGIO
La fase di “Inserimento”, basa il suo metodo sul sostegno emotivo e sulla necessità di inserire la risorsa selezionata nella fase di incontro, con delicatezza e discrezione, monitorando giornalmente le attività e le attitudini lavorative del personale in linea con le necessità dell’assistito.

Rimanere in contatto con la famiglia per avere un riscontro nel servizio giornaliero - Rimanere in contatto con la risorsa per migliorare le attività giornaliere - Personalizzare le necessità dell’assistito in base alla patologia del malato - Determinare un sostegno emotivo e relazionale con la familiare dell’assistito